Crea sito

Dire sì alla vita, questo il motto del Servizio Accoglienza alla Vita

thumb

Il mio interesse per questa tematica nasce dalla volontà di toccare con mano le difficoltà e le preoccupazioni che molte mamme sono costrette ad affrontare dinnanzi ad una scelta che, spesso in epoca contemporanea, non è poi così scontata: mettere alla luce una nuova vita.
A tal proposito, dopo accurate ricerche, ho deciso di presentarvi le attività del S.A.V (Servizio Accoglienza alla Vita), Associazione culturale che da diversi anni opera nel Bolognese.
Un ringraziamento particolare va alla Presidente dell’Associazione Maria Vittoria Gualandi che ha voluto dedicarmi parte del suo prezioso tempo al fine di raccogliere le informazioni che troverete qui di seguito.

Un po’ di storia Gravidanze a rischio, mamme, a volte anche molto giovani, impreparate alla nascita di un figlio e a volte anche vittime di gravi disagi economici.

Nel 1978 Mons. Franco Fregni, Vicario per la Pastorale della Famiglia, cerca di dare una prima risposta ai problemi legati alla maternità, aprendo un piccolo punto di ascolto con l’aiuto di alcuni volontari, in una sede provvisoria nel centro storico di Bologna. Da questa idea nascerà quello che sarà successivamente noto con il nome di “S.A.V “ , Servizio Accoglienza alla Vita, riconosciuto come Associazione Onlus nel 1999 che, con sede legale a Bologna, in Via Irma Bandiera 22, presieduta da Maria Vittoria Gualandi dal 1991, si avvale della collaborazione di 4 educatori professionali , una psicologa ed oltre 70 volontari.

Gustav Klimt La Speranza II (1907-08)
Gustav Klimt La Speranza II (1907-08)

Queste le attività svolte dal S.A.V:
– Il centro d’ascolto Obiettivo primario è quello di offrire una prima proposta di assistenza.
Il centro di ascolto dispone dei seguenti servizi, gestiti dai volontari:
Guardaroba per bambini di età 0-10 anni Banco Alimentare: un contributo alla spesa mensile per famiglie in difficoltà economica; Banco Farmaceutico: farmaci da banco su richiesta di medico curante e/o pediatra.
Tra i volontari sono presenti anche delle figure specialiste che mettono a disposizione del S.A.V la loro professionalità: pediatri, neurologi, cardiologi, dentisti, avvocati (…).

– Progetto Aiuto vita – Adozione Prenatale a distanza
Si tratta di un’ “adozione prenatale a distanza” che comporta il farsi carico di una donna negli ultimi 6 mesi di gravidanza e nei primi 12 mesi di vita del bambino. Il contributo minimo mensile è di 160,00 euro da versare direttamente al Servizio Accoglienza alla Vita che sceglie in quali situazioni bisognose utilizzarlo.
Il S.A.V. garantisce riservatezza ed anonimato sia per la madre che per l’adottante.

– Gruppi appartamento Il S.A.V dispone inoltre di 12 gruppi-appartamento destinati all’accoglienza di madri sole e dei propri figli o, eventualmente, del partner, in difficoltà socio-economiche.
Le famiglie ospitate provengono da diverse parti del mondo, si tratta di persone che, nella maggior parte dei casi, non possono contare sull’aiuto della propria famiglia , in alcuni casi non consenziente alla gravidanza. L’ospitalità nei gruppi-appartamento del S.A.V. ha come finalità quella della conquista di una buona autonomia personale ed un successivo reinserimento sociale, aiutando nella ricerca di un lavoro, di una casa, attraverso l’intervento di personale qualificato che opera attraverso visite domiciliari settimanali.
Parliamo di un servizio non isolato, ma in rete con i servizi sociali e del territorio.

foto-home-3-trim

Dati: Al fine di sottolineare il contributo che questa Associazione opera sul territorio, ho deciso di riportare per voi alcuni dati relativi all’attività del 2013: – Nel corso del 2013 sono stati effettuati 404 colloqui; – I casi seguiti in presenza di interruzione di gravidanza volontaria sono stati 40 e di questi 34 hanno comportato il salvataggio del bambino e la gravidanza è stata portata a termine;
– I progetti di Aiuto Vita attuati sono stati 25; – Più di 800 famiglie hanno usufruito del Servizio Guardaroba; – Le famiglie che hanno usufruito di sostegni alimentari sono 192; – All’interno degli 11 gruppi appartamento sono state accolte 15 madri sole, 6 coppie di genitori, 37 bambini.
Ritengo che il S.A.V possa essere considerato un aiuto concreto e significativo.

test gravidanza

Valentina Bellezza