Crea sito
Davide Cerrato- L’uomo che cascò in un vortice di petali
Nov09

Davide Cerrato- L’uomo che cascò in un vortice di petali

Il tremar di membra lo muoveva, più che le gambe. Era tra le ceneri con fuochi nei pressi. Lieve brezza l’allietava, ma il cielo era oscuro e ardente, un vulcano. Scovò un monte, meno grigio, più verde, forse cosa unica che assumesse color vivo. Proseguì più di gambe, attenuato il tremar di membra. Le gambe lo muovevano poi, ma incerte ancora, come se timore fosse spirto nei dintorni. Vedeva foglie, ammucchiate. Scorgeva il verde, a...

Read More
Fernando Pessoa – Non so se è amor
Nov07

Fernando Pessoa – Non so se è amor

Non so se è amor che hai, o amor che fingi, quello che mi dai. Dammelo. Così mi basta. Giacché per tempo giovane non sono, che lo sia almeno per errore. Poco gli dèi ci danno, e il poco è falso. Però, se ce lo danno, sebbene falso, l’offerta è vera. Accetto. Chiudo gli occhi: è sufficiente. Cosa voglio di più? Fernando Pessoa 12.11.1930   da “Ricardo Reis, Odi [1914-1933]”, in “Fernando Pessoa, Una sola moltitudine, II”, Adelphi...

Read More
Giancarlo Pontiggia – I segni che volarono, un giorno fino a noi
Ott29

Giancarlo Pontiggia – I segni che volarono, un giorno fino a noi

I segni che volarono, un giorno, fino a noi e ci colpirono; le cose che già erano prima di noi, e restano, quasi immortali, dopo; tutto ciò che s’impadronì dei nostri occhi e fece vela verso il cuore, navigando per scogli di pensieri improvvisi, di immagini celate, inaccessibili; emozioni che ci scossero, sensi che ci turbarono, congiunzioni felici; giorni di vaste nubi accidiose, che ci spinsero sulle rive di una morte troppo a lungo...

Read More
Ghiannis Ritsos – Debito autunnale
Ott27

Ghiannis Ritsos – Debito autunnale

La casa profuma già di autunno. E una volta ancora siamo impreparati, senza pullover né sciarpe. Nuvole inattese dal mattino oscurano le colline. Dobbiamo sbrigarci a fare un po’ di provviste, perché tra poco arrivano i venti sbraitanti. I vapori della cucina occupano il primo posto nel silenzio del corridoio. A uno a uno chiudono i locali sul mare. Sul molo bagnato pacchetti di sigarette vuoti, recipienti di plastica, giornali e i...

Read More
Alda Merini – Lettere
Ott19

Alda Merini – Lettere

Rivedo le tue lettere d’amore illuminata adesso da un distacco, senza quasi rancore. L’illusione era forte a sostenerci, ci reggevamo entrambi negli abbracci, pregando che durassero gli intenti. Ci promettemmo il sempre degli amanti, certi nei nostri spiriti divini. E hai potuto lasciarmi, e hai potuto intuire un’altra luce che seguitasse dopo le mie spalle. Mi hai resuscitato dalle scarse origini con richiami di...

Read More
Wendell Berry – La pace delle cose selvagge
Ott09

Wendell Berry – La pace delle cose selvagge

Quando la disperazione per il mondo cresce dentro me e mi sveglio di notte al minimo rumore col timore di ciò che sarà della mia vita e di quella dei miei figli, vado a stendermi dove l’anatra di bosco riposa sull’acqua in tutto il suo splendore e si nutre il grande airone. Entro nella pace delle cose selvagge che non si complicano la vita per il dolore che verrà. Giungo al cospetto delle acque calme. E sento su di me le...

Read More