Crea sito
declinazione al femminile
Nov03

declinazione al femminile

Mi piace la nudità dei rosa chiaro, quel capezzolo che mi racconta della madre. Mi piacciono i colori portabili del sereno, la scrittura invisibile del mio fiato di donna. Mi piace la delicatezza e la sensualità. Mi piace il piacere, la floreale e materica sostanza del mio sesso, la poesia velata della sua forma. Mi piace la genuina semplicità dell’incontro amoroso, la seduzione delle note negli accordi minori, la coralità delle...

Read More
Chiedo Silenzio
Ott14

Chiedo Silenzio

da Poesie scelte di Pablo Neruda:   Ora, lasciatemi tranquillo. Ora, abituatevi senza di me. Io chiuderò gli occhi E voglio solo cinque cose, cinque radici preferite. Una è l’amore senza fine. La seconda è vedere l’autunno. Non posso vivere senza che le foglie volino e tornino alla terra. La terza è il grave inverno, la pioggia che ho amato, la carezza del fuoco nel freddo silvestre. La quarta cosa è l’estate...

Read More
~ ID • Pulse ~
Set15

~ ID • Pulse ~

~ ID • Pulse ~ Appellātiōnēs — ζero, mi sento come sento→ f_rome—eterno. Contrasti- abbreviati → Play by: modo↑↓neo ™. Paraempatico tessuto—Geo ← • → i am = Lion=Leone= Leu. Exit – trovato fra le lente ↑ ↓ direttamente con il Cielo! Il Coraggio-Vero →la Leucocita—Bianca* Finché mi sento = #Egotomia Santa. Point ≠ stop ← • → Chiedetevi … Che type* di “tipo” siete… Mentre… Vi troverete nello schermo:...

Read More
Un altro giro di giostra
Set15

Un altro giro di giostra

Ormai nessuno ha più tempo per nulla. Neppure di meravigliarsi, inorridirsi, commuoversi, innamorarsi, stare con se stessi. Le scuse per non fermarci a chiedere se questo correre ci rende felici sono migliaia, e se non ci sono, siamo bravissimi a inventarle.   da “Un altro giro di giostra” di T.Terzani

Read More
Voglio vivere solo per l’estasi.
Set01

Voglio vivere solo per l’estasi.

Voglio vivere solo per l’estasi. Le piccole dosi, gli amori moderati, tutte le mezze sfumature, mi lasciano indifferente. Mi piace la stravaganza. Lettere che raddrizzano la schiena dei postini, libri che traboccano dalle copertine, sessualità che fa saltare i termometri. Anaïs Nin

Read More
Luz
Ago31

Luz

Ho letto una volta che gli antichi saggi credevano che nel corpo ci fosse un ossicino minuscolo, indistruttibile, posto all’estremità della spina dorsale. Si chiama “luz” in ebraico, e non si decompone dopo la morte né brucia nel fuoco. Da lì, da quell’ossicino, l’uomo verrà ricreato al momento della resurrezione dei morti. Così per un certo periodo ho fatto un piccolo gioco: cercavo di indovinare quale fosse il “luz” delle persone...

Read More