Crea sito

COLORS: LE NOVITÀ DI BECK

Qual è il filo comune degli album di Beck? Si potrebbe dire la loro ricercatezza e precisione, che rispecchiano la cura maniacale e la caparbietà dell’artista.

È difficile assegnare Beck a un genere preciso: le sue canzoni sono ogni volta diverse e distanti l’una dall’altra, e Colors non ha smentito questa tendenza, portandoci brani di stile tendenzialmente pop, con alcune note R&B.

 

L’ultimo album del musicista di Los Angeles è stato annunciato in agosto e poi pubblicato il 13 ottobre 2017, preceduto da alcune delle sue canzoni: Dreams, Wow e Up All Night sono state incluse nella colonna sonora di FIFA 17, mentre Dear Life è uscita come singolo l’8 settembre. L’opera è stata prodotta in collaborazione con il compositore Greg Kurstin, che assieme a Beck si è occupato di ogni strumentazione.

Colors è l’ideale per chi desidera un po’ di leggerezza e spensieratezza nella sua playlist, pur restando a livelli veramente alti di sound ed espressione musicale.

 

«Questo album l’ho visto più come una nuova vita, anche per il mio pubblico – ha detto Beck di recente a Rockol – credo che a un artista sulla piazza già da tempo debba succedere qualcosa che dia alla gente una ragione per continuare ad essere incuriosita” […] Dreams è una canzone molto semplice, molto generica, per così dire. Il messaggio, più che altro, era: “Sveglia, è ora di alzarsi”. Però è necessario non dimenticare mai i propri sogni. È indispensabile rimanere svegli, perché nel mondo le cose succedono, ed è bene accorgersene. Sennò tutto è un sogno».

 

Beck nel corso della sua carriera ha vinto ben cinque Grammy Awards: i primi due nel 1997 come miglior interpretazione vocale maschile rock e miglior album di musica alternative (Odelay), stesso premio ricevuto nel 2000 per Mutations; gli ultimi due riconoscimenti li ha ricevuti due anni fa, occasione in cui tutti rimasero stupiti (soprattutto lui stesso) per i premi vinti dalla sua opera Morning Phase, eletta sia come miglior album rock che come album dell’anno. Quella fu anche l’ultima apparizione pubblica di Beck, in cui nel momento di ricevere la statuetta da Prince gli venne rubata la scena da Kanye West, desideroso di protestare a causa della disfatta di Beyoncé.

 

GIULIA AMBROSINI @INASHERAH ART