Crea sito

I cari zigomi di Lucia

S’asciugano i panni e pure i malanni,

li raggi so scesi come lampi accesi,

ce sta na gattara che frigna e prepara

se sente l’odore der primo calore,

è pronto di già caffè e npo de latte.

“Arrivano i nostri!” co barba e ciavatte,

na caccola all’occhio, npo de lentezza,

persiane dischiuse, s’affaccia la brezza.

Un cane randagio c’annaffia n’lampione,

quarcuno se scalla col termosifone,

risale n’arietta che sposta le foje.

Un tipo ridacchia e poi sfotte la moje,

cammina un marmocchio cor zaino sue spalle.

Er primo Tg racconta già balle.

Un bangladesciano co pubblicità

citofona a tutti e poi chiede de entrà.

La vita più felice sta n’mano a n’poeta

che affitta no spazio che rime nun vieta,

sur vetro appannato l’inchiostro è la brina,

cor dito ncomincia: Bongiorno matina….

Alvaro Mucichetto

foto di Toni Schneiders
foto di Toni Schneiders

 

Una risposta a “I cari zigomi di Lucia”

I commenti sono chiusi.